Brevi sulla RadioTerapia



La radioterapia: campi di applicazione e potenzialità


     Tratto da Salus.it  il 16/10/2009 12.04.16 

http://www.salus.it

 

La radioterapia è un trattamento per la cura dei tumori che consiste nell'irradiare con raggi X il Dna delle cellule malate, impedendone la capacità di replicarsi. Consente di impedire la crescita del tumore, diminuisce la sua dimensione e porta alla sua eliminazione. Le nuove tecniche di radioterapia usano modalità di irradiazione di alta precisione poiché il fascio di raggi viene diretto, per quanto possibile, al tessuto tumorale, con una significativa riduzione dell'esposizione dei tessuti sani adiacenti.
Può essere usata in alcune forme tumorali o in alcuni stadi di esse come terapia esclusiva, cui può conseguire la guarigione, oppure può integrarsi con chirurgia e chemioterapia. In caso di dolore, la radioterapia palliativa può essere ritenuta l'analgesico più efficace.

Il Centro di Radioterapia di Cagliari dispone di un complesso radioterapico moderno, tecnologicamente all'avanguardia in grado di offrire modelli di assistenza aggiornati ed efficaci. I 4 acceleratori di ultima generazione permetteranno di

sottoporre a terapia circa 2000 pazienti l'anno. Tra le neoplasie trattate: i tumori della mammella, del polmone e della prostata, ma anche quelli della cute, molto diffusi in Sardegna. Inoltre, vengono erogate terapie combinate radiochemioterapiche dei carcinomi della testa, del collo e del retto.
Il Centro dispone di altri due acceleratori lineari, situati nell'ospedale Businco, utilizzati con il simulatore universale per la radioterapia palliativa e la cura dei tumori cerebrali. Il settore ricovero di Radioterapia dispone di 20 posti letto (situati al Businco) e offre risposta ai pazienti che necessitano di trattamenti radiochemioterapci e di tecniche speciali quali la brachiterapia, utilizzata per la cura del carcinoma della prostata e della cervice uterina, la radioterapia intraoperatoria (IORT), per gli interventi con elevata recidività locale (pancreas o retto), la Roentegenterapia e la Total Body Irradiation (TBI), impiegata nelle procedure di trapianti di midollo. È prevista l'attivazione della radioterapia 4D utilizzata nelle più importanti strutture nazionali e internazionali.

Le tecnologie
• 2 acceleratori lineari monoenergia di ultima generazione dotati di MLC ed in grado di eseguire trattamenti di 3DCRT e di IMRT;
• 2 acceleratori lineari plurienergia e con elettroni di ultima generazione dotati di MLC ed in grado di eseguire trattamenti di 3DCRT, IMRT ed IGRT;
• 2 acceleratori lineari convenzionali (di cui uno con micro MLC) per radioterapia palliativa (al Businco);
• 2 TC-simulatori “big bore”;
• 1 simulatore universale (al Businco);
• 2 sistemi per piani di trattamento 3D;
• 1 apparecchio di brachiterapia HDR
• 1 acceleratore IORT per radioterapia intraoperatoria;
• 1 apparecchio di Roentegenterapia;
• 1 apparecchio di Ipertermia a microonde;
• tutte le attrezzature necessarie alla fisica sanitaria per la determinazione ed il monitoraggio della dose e la sorveglianza fisica.

per la Radiodiagnostica (Businco)
• una TAC multistrato
• una Risonanza Magnetica da 1.5 Tesla

 

Per maggiori informazioni:
ASL Cagliari
Sede legale: Via Logudoro 17 - 09126 Cagliari
sede Amm.va: Via Piero della Francesca 1 - 09047 Selargius
http://www.aslcagliari.it/

Ufficio Stampa
Via Piero della Francesca 1
Tel 070/6093224
Fax 070/6093206

 

 

Le tecnologie: schede tecniche


Il nuovo reparto di Radioterapia del Polo Oncologico Businco e Microcitemico di Cagliari si configura come un sistema altamente integrato per l’implementazione di tecniche avanzate in radioterapia oncologica quali: 3D conformazionale, trattamenti ad intensità modulata (IMRT), Radioterapia guidata dalle immagini (IGRT).

Obiettivo delle moderne tecniche radioterapiche è l’erogazione di gradienti di dose elevati al volume bersaglio risparmiando nel contempo le strutture sane circostanti. Per raggiungere il risultato migliore è necessario che l’organo bersaglio sia correttamente individuato in fase di pianificazione (utilizzando con sempre maggiore frequenza le immagini diagnostiche CT, MR, PET, PET/CT) e controllato successivamente con continuità nel corso del trattamento per individuare eventuali modifiche nella sua localizzazione dovute ad errori di posizionamento del paziente o a suoi cambiamenti intrinseci di forma e posizione.


Grazie alla disponibilità di apparecchiature per la radioterapia ma anche di diagnostica per immagini, Siemens ha realizzato una soluzione completa e integrata, che comprende non solo sistemi di trattamento radioterapico altamente avanzati e performanti, ma anche apparecchiature specifiche di diagnosi per immagini quali TAC, RISONANZA MAGNETICA, PET/CT, SPECT e un sistema informatico di gestione completo del workflow radioterapico in grado di integrarsi con le diverse unità diagnostiche utilizzate in fase di pianificazione del trattamento, del suo controllo e follow-up.

 

ACCELERATORI LINEARI:
SIEMENS ONCOR EXPRESSION E ONCOR IMPRESSION
Sono quattro gli acceleratori Oncor presenti nel nuovo reparto radioterapico, di cui due a doppia energia (6/18 MV) e due a singola energia (6 MV). Ciascuna coppia di acceleratori è configurata in maniera identica così che ciascun acceleratore possa fare da back up all’altro garantendo la continuità di cura ai pazienti in trattamento.

Gli acceleratori a doppia energia sono in grado di effettuare trattamenti con tecnica IGRT grazie ad un sistema integrato di correzione automatica della posizione del paziente sulla base dell’acquisizione di immagini 3D del volume bersaglio effettuata direttamente dall’acceleratore lineare immediatamente prima di effettuare il trattamento radioterapico.

Gli acceleratori a singola energia sono a loro volta attrezzati per l’implementazione di tecniche IGRT mediante sistemi esterni di verifica della posizione del paziente per correggere eventuali errori di set-up prima del trattamento.

RM – MAGNETOM AVANTO
Magnetom AVANTO è la prima risonanza magnetica da 1.5 Tesla ad aver utilizzato la tecnologia Tim (Total imaging matrix), con la quale è possibile eseguire l'imaging a corpo intero di eccellente qualità grafica in una sola seduta. La complessa sostituzione di bobine per il corpo e il riposizionamento dei pazienti sono oramai solo un ricordo del passato. Il tempo di esposizione per una scansione dalla testa ai piedi si riduce così ad appena 12 minuti, migliorando notevolmente grazie a Tim il flusso di lavoro in ospedali e ambulatori.
Il cuore della tecnologia Tim è il progetto rivoluzionario di matrice avvolgente, che consente di combinare 76 elementi con un massimo di 32 canali, migliorando sensibilmente la velocità di acquisizione e la qualità delle immagini. Magnetom Avanto con tecnologia Tim fornisce immagini di elevata risoluzione di singole parti del corpo ed offre inoltre la possibilità di ottenere immagini di alta qualità dell'intero corpo. Per un'analisi completa di questo tipo erano necessarie fino ad ora numerose bobine diverse, che dovevano essere necessariamente riposizionate, così come il paziente, nel corso dell'esame. Tim consente ora per la prima volta di eseguire in una sola seduta una scansione di alta qualità dell'intero corpo dalla testa ai piedi e anche per pazienti di statura fino a 205 cm.
Tim apre così orizzonti completamente nuovi, ad esempio nella diagnostica dei tumori: invece di numerose immagini parziali, il sistema Total imaging matrix fornisce una definizione elevata e costante dei dettagli sull'intero corpo. L'analisi di tumori e di metastasi presenti in diverse regioni del corpo risulta così notevolmente semplificata e le immagini dei referti più facilmente valutabili. Lo stesso vale per le analisi vascolari e del sistema nervoso centrale. Il rapporto segnale/rumore, incrementato fino al 100% grazie a Tim di Siemens, migliora ulteriormente la qualità delle immagini.
Il nuovo procedimento consente inoltre tecniche di acquisizione parallele, in breve PAT, che incrementano ulteriormente la velocità di acquisizione e la risoluzione dell'immagine: un vantaggio particolarmente significativo per l'analisi di organi in movimento quali il cuore o l'intestino. Tim fornisce contemporaneamente immagini dell'intero corpo, e per la prima volta in tutte le tre direzioni spaziali, senza le bobine PAT specifiche fino ad ora indispensabili. Il medico ha quindi la facoltà di scegliere liberamente l'area rilevante per l'analisi clinica, da singole zone parziali del corpo fino all'anatomia completa, senza alcuna limitazione dettata dal numero massimo di bobine collegabili e utilizzabili simultaneamente.

TAC SIEMENS SOMATOM SENSATION OPEN
Il centro dispone anche di due TAC Somatom Sensation Open a scansione elicoidale con acquisizione simultanea di 24 strati per ogni rotazione completa. Questa tac è dotata di un tunnel di ben 82 cm di diametro e risulta quindi molto più confortevole per il paziente rispetto ai sistemi convenzionali con tunnel di 70 cm di diametro. Inoltre, grazie al sistema di simulazione virtuale, Somatom Sensation Open consente di pianificare la terapia con un unico esame, a differenza di quanto avveniva in passato, quando oltre alla tac il paziente doveva sottoporsi ad una seduta con il simulatore tradizionale per individuare la posizione più corretta per la successiva radioterapia.

PET/CT SIEMENS BIOGRAPH 40
Biograph 40 è un innovativo sistema PET/CT di Siemens composto da un sistema PET (Tomografia ad Emissione di Positroni) e da una TAC a 40 strati. I sistemi ibridi come Biograph 40 combinano immagini funzionali ed anatomiche in un’unica apparecchiatura, fornendo tutte le informazioni necessarie per la diagnosi e la successiva terapia in un’unica procedura non invasiva della durata di pochi minuti.

La velocità di rotazione di 0,37 secondi e la risoluzione spaziale di 0,6 mm della TAC a 40 strati integrata nel sistema Biograph 40, consentono di ottenere un dettaglio anatomico sempre maggiore fornendo al clinico dati e informazioni sempre più precise, che permettono di evidenziare anche le più piccole aree di interesse sottoposte ad esame.
Con Biograph 40 oggi è finalmente possibile acquisire in meno di 15 minuti uno studio PET/CT TotalBody di elevatissima qualità in termini di statistica, contrasto e definizione spaziale.

SPECT SIEMENS SYMBIA T2
Symbia T2 è uno dei primi sistemi installati in Italia in grado di combinare l’eccellente accuratezza diagnostica delle immagini funzionali ottenute con un sistema SPECT con il dettaglio anatomico fornito da una TAC multistrato.

Utilizzata in Medicina Nucleare, la tecnica SPECT permette di visualizzare il funzionamento degli organi e il metabolismo cellulare mediante l’utilizzo di sostanze radioattive specifiche – definite traccianti – somministrate al paziente in piccole dosi. Come risultato, i cambiamenti patologici possono essere rilevati a livello molecolare prima ancora che si evidenzino alterazioni delle strutture anatomiche visibili attraverso la TAC. Grazie a questa indagine è così possibile scoprire anche neoplasie allo stadio iniziale e quantificarne la gravità sulla base dell’analisi dell’attività delle cellule tumorali. Purtroppo la localizzazione della patologia è spesso complicata dalla mancanza di riferimenti anatomici fondamentali per una corretta diagnosi; a soddisfare questa necessità interviene la TAC volumetrica integrata nel sistema che in soli 15 secondi consente di identificare con estrema accuratezza la zona di attività con immagini ad altissima definizione.

CT – SOMATOM EMOTION 16
Somatom Emotion 16 è un’apparecchiatura ad acquisizione multistrato compatta con elevate prestazioni diagnostiche in termini di velocità, della qualità delle immagini in rapporto all’esposizione ai raggiX.
La capacità diagnostica della TAC Somatom Emotion 16 coniugata con una mirata dotazione di software ne fanno un’apparecchiatura ideale in un reparto di pronto soccorso. Infatti, la capacità di acquisire oltre 32 mm di volume corporeo in un secondo per la durata di 100 s continui di scansione, la rendono estremamente rapida per lo studio di tutto il corpo, sezionando il paziente a “fette” di 0,6 mm. Tali caratteristiche consentono di studiare ad esempio i pazienti politraumatizzati, in tempi estremamente rapidi e con un’elevata precisione.

La dotazione di software dedicati alla diagnostica delle ischemie cerebrali, altro esame molto frequente per una TAC di pronto soccorso, consente al medico radiologo di accertare in brevissimo tempo se il paziente soffre di deficit vascolari neurologici, responsabili delle ischemie. Per questi eventi la celerità dell’ accertamento dal momento della comparsa dei sintomi è di fondamentale importanza per il seguente approccio terapeutico e del conseguente beneficio della qualità di vita del paziente stesso. Somatom Emotion 16 è inoltre in grado di sopportare elevati carichi di lavoro
anche per un intero ciclo operativo giornaliero, le prime installazioni in ambito di un pronto soccorso, hanno indicato la possibilità di espletare con assoluta tranquillità oltre 60 esami/giorno.

 

 

Medicina Nucleare: caratteristiche e campi di applicazione


La medicina nucleare utilizza radionuclidi artificiali a scopo diagnostico o terapeutico. Una volta introdotti nell'organismo tramite i cosiddetti radiofarmaci (soluzioni, sospensioni, aerosol o altro), i radionuclidi permettono studi diagnostici oppure possono concentrarsi sui tessuti patologici permettendone il riconoscimento e l'irradiazione terapeutica che porta alla loro distruzione.
I radiofarmaci possono essere considerati sicuri dal punto di vista delle reazioni avverse che, date le basse dosi di somministrazione, si verificano piuttosto raramente. Per quanto riguarda l'aspetto diagnostico, le immagini (scintigrafie) sono ottenute attraverso la rilevazione di radiazioni emesse dai radiofarmaci distribuiti nell'organismo. La loro peculiarità è che, pur essendo caratterizzate da un dettaglio morfologico inferiore rispetto alle altre tecniche di imaging (radiografia, ecografia, ecc..), sono molto ricche di informazioni funzionali. Nel nuovo Centro di medicina nucleare di Cagliari le modalità più diffuse di applicazione a scopo terapeutico (radioterapia metabolica) sono:
• in campo oncologico:
cura del carcinoma tiroideo con radioiodio, la terapia del dolore da metastasi ossee e la terapia dei tumori neuroendocrini.
• in campo oncoematologico:
radioimmunoterapia da linfomi NH (non Hodgkin).

La struttura di Cagliari è dotata di un apparecchio CT - PET e di un apparecchio CT - SPECT.
CT (Tomografia computerizzata) e PET (tomografia ad emissione di positroni) sono due delle principali tecniche di imaging nel campo della radiologia e della medicina nucleare. La combinazione PET/CT garantisce una migliore precisione della diagnosi, una più accurata pianificazione della cura e un'appropriata valutazione della risposta. La CT- SPECT (Tomografia computerizzata a emissione di fotoni singoli) consente di riconoscere le alterazioni funzionali dell’organismo. Il Centro è dotato di 12 letti attrezzati per la terapia metabolica e di tutte le attrezzature per il monitoraggio della attività dei radioisotopi.

Le tecnologie
• 1 apparecchio CT-PET;
• 1 apparecchio CT-SPECT;
• 2 gamma camere per l'acquisizione delle immagini scintigrafiche (al Businco);
• 12 letti attrezzati per la terapia metabolica;
• tutte le attrezzature per il monitoraggio della attività dei radioisotopi.

 

 

A.M.O. - Associazione del Malato Oncologico - Sede Legale Via

Campania n° 2 - 08100 Nuoro

 

http://www.amonuoro.com

Contatti: tel/fax - cell. 3286256593

E-mail: amo-nuoro@tiscali.it